Piero Paladini Art & Design

Mutamenti e metamorfosi - Amore e Psiche

E-mail Stampa
Indice
Mutamenti e metamorfosi
Le Trasformazioni
Il diluvio
L’età dell’oro
L’età dell’argento
L'età del bronzo
Narciso
Dedalo e Icaro
Teseo
Apollo e Dafne
Giove, Io, Argo
Amore e Psiche
Tutte le pagine

Amore e Psiche

Amore e Psiche

I l mito allude alla meta di fondersi con l'amato pur mantenendo la propria individualità, dunque, come è giusto anche se difficile da realizzare, l’integrazione in sé dell’altro (che perde, per conseguenza la sua diversità), in altri termini il compimento di una sintesi dei due esseri che si amano e dall’amore vengono tenuti insieme. La cosa si potrebbe ottenere attraverso almeno tre fasi. La prima fase fuggevole ma necessaria corrisponde all'amore erotico (fine a se stesso). La seconda più duratura ma molto più difficile da raggiungere è quella dell’amore creativo che emerge dai due in una contemplazione che raggiunge la sublimazione rappresentata dall’immortalità raggiunta da Psiche. Questa, dando credito alla razionalità e al desiderio della conoscenza (o alla curiosità, scientifica?) tradisce le regole dettate dall’alto e smarrisce il suo vero obiettivo. Del resto il desiderio della conoscenza (Psiche) se utilizzato per fini impersonali ed universali, porta all'immortalità dello spirito, se, invece, usato per scopi personali ed egoistici, porta alla perdita dell'amato (Amore) e alla necessità di seguire un percorso di purificazione e di prove.

La curiosità di Psiche, legata al dubbio e all'avidità della mente razionale (che richiama l'episodio di Eva e l'albero della conoscenza del bene e del male) mostra le potenzialità ed i pericoli della conoscenza che spesso tradisce il sentimento morale.

Dunque, Psiche (personalità anelante alla conoscenza scientifica) deve obbedire ad Amore (l'anima, la parte spirituale dell’essere umano) "affidarsi" senza porsi domande, ma se sorgono i dubbi, il desiderio di sapere e la morbosa curiosità della mente, se si vuole vedere con gli "occhi della mente" e non con quelli del cuore, si produce il conflitto, la separazione e, dunque, il non amore. Per uscire da questa situazione critica occorre sottoporsi (come toccherà a Psiche) ad un percorso di prove, di elaborazione, di purificazione (di espiazione???) per sviluppare la comprensione e la saggezza al servizio universale, cioè l’amore frutto della fusione di Psiche e di Amore, per nulla finalizzate ad egoistici obiettivi. Da ciò emerge che l’essere umano ha in sé sia la natura umana (Psiche, personalità, ragione) che quella divina (Amore, anima, sensibilità) spesso nascosta, ignorata o rifiutata. La personalità deve superare la paura di guardare, alla luce della consapevolezza, l'anima.

Testi di Piero Grima

 

 
You are here: Home Opere Mutamenti e metamorfosi Mutamenti e metamorfosi - Amore e Psiche